sabato 1 ottobre 2016

Giacomo Puccini: cronologia della vita e delle opere

Giacomo Puccini
(Lucca, 23 dicembre 1858 – Bruxelles, 29 novembre 1924)

1858 - Giacomo Puccini nasce a Lucca, nella notte fra il 22 e il 23 dicembre, da Michele e Albina Magi. Originari di Celle, i Puccini sono una famiglia di musicisti da quattro generazioni. Il padre insegna armonia e contrappunto all’Istituto musicale di Lucca e diventa, poi, direttore della Cappella Municipale.


1864 - Muore, cinquantenne, Michele Puccini. Oltre a Giacomo, lascia cinque figlie; l’ultimogenito, Michele, nascerà tre mesi dopo la sua scomparsa.

1868 - È fanciullo cantore nella chiesa di San Michele e in Duomo, allievo di Fortunato Magi, fratello della madre. Questi ha assunto, temporaneamente, l’incarico lasciato da Michele Puccini, di cui era allievo prediletto, in attesa che il figlio, erede legittimo, sia in grado di rilevarlo. Giacomo segue intanto studi regolari nei seminari.

1874 - Terminato il liceo classico, si iscrive all’Istituto Musicale Pacini di Lucca, frequentando i corsi di Carlo Angeloni, altro allievo del padre.

1875 - Vince il primo premio per la classe d’organo. Da tempo accompagna le funzioni in diverse chiese di Lucca e del circondario e compone brevi pezzi per organo.

1877 - Scrive la cantata I figli d’Italia bella, in occasione dell’Esposizione di Lucca.

1878 - Per il saggio annuale dell’Istituto Musicale, esordisce in pubblico nella chiesa di San Paolino con un Mottetto e un Credo. Ormai suona anche il pianoforte ed è arrangiatore estemporaneo nelle taverne e nei centri di villeggiatura vicini.

1880 - Si licenzia dall’Istituto Pacini con la Messa per quattro voci e orchestra che viene eseguita in luglio: la composizione include il Credo scritto due anni prima. In autunno supera, a pieni voti, l’esame di ammissione al Conservatorio di Milano, allievo di Antonio Bazzini.

1882 - Nell’ultimo anno di Conservatorio è allievo di Amilcare Ponchielli e compagno di classe di Pietro Mascagni, con cui divide anche l’abitazione.

1883 - Il 16 luglio consegue il diploma. Due giorni prima Franco Faccio dirige in Conservatorio il Capriccio sinfonico che Casa Lucca pubblicherà l’anno successivo nella riduzione per pianoforte a quattro mani. Verso la fine del mese, su un soggetto di Ferdinando Fontana (conosciuto tramite Ponchielli), nasce il progetto per Le Willis, inviato al concorso bandito sul «Teatro Illustrato» da Casa Sonzogno per un atto unico: l’opera viene però respinta.

1884 - Il 31 maggio successo al Teatro Dal Verme di Milano per Le Willis. Giulio Ricordi acquista lo spartito, ne sollecita l’ampliamento e gli commissiona una nuova opera. Il 17 luglio a Lucca muore la madre. Il 26 dicembre il Teatro Regio di Torino mette in scena Le Villi, ritoccata ed ampliata in due atti.

1885 - Puccini esordisce alla Scala con Le Villi, diretta da Franco Faccio. Inizia a comporre l’Edgar, ancora su un soggetto di Fontana.

1886 - Il 23 dicembre nasce il figlio Antonio, frutto della relazione con Elvira Bonturi, moglie di un amico d’infanzia.
1887 - Conclude l’Edgar, ma il progetto di rappresentarla a Roma sfuma.

1889 - Il 21 aprile l’Edgar alla Scala, nella versione in quattro atti, non riesce ad andare oltre la terza replica. Ma Ricordi conferma il suo appoggio al compositore, inducendolo a riprendere l’opera. Tra i nuovi soggetti si fa strada Tosca di Sardou.

1890 - Lavora a Manon Lescaut, al cui libretto collaborano Marco Praga, Oliva, Leoncavallo, Illica, Giacosa e lo stesso Ricordi. Nell’opera affiorano i temi di Crisantemi, elegia per quartetto d’archi in morte di Amedeo di Savoia duca d’Aosta.

1891 - In luglio si trasferisce a Torre del Lago insieme a Elvira, Tonio e Fosca, la figlia della sua compagna. La nuova casa si rivela un rifugio ideale per il suo lavoro di compositore.

1892 - Il 28 febbraio va in scena al Teatro Comunale di Ferrara l’Edgar, nella nuova versione in tre atti, poi rappresentata anche a Madrid: ma l’opera ancora non convince. In novembre ad Amburgo, presente l’autore, Mahler dirige Le Villi.

1893 - Il 1° febbraio debutta, con grande successo, al Teatro Regio di Torino Manon Lescaut che segna la fortuna del compositore. Con Illica e Giacosa inizia a lavorare alla Bohème.

1894 - Primo tentativo, fallito, di collaborazione con D’Annunzio. Incontro con Verga per La lupa: gli abbozzi musicali saranno poi utilizzati per La Bohème e Tosca.

1896 - Il 1° febbraio, sempre al Regio di Torino, Arturo Toscanini dirige La Bohème: accoglienza tiepida, il successo arriva solo dopo oltre due mesi di repliche. Durante l’estate Puccini inizia a comporre Tosca, ancora con l’apporto di Illica e Giacosa.

1900 - Il 14 gennaio va in scena al Teatro Costanzi di Roma Tosca: malgrado il clima teso che l’accoglie, l’opera si avvia a conquistare i maggiori teatri italiani, giungendo alla Scala due mesi dopo. Il compositore intanto è alla ricerca di un nuovo soggetto. In luglio a Londra assiste alla rappresentazione del dramma di Belasco Madame Butterfly e ne è conquistato. La stesura del libretto è ancora affidata a Illica e Giacosa.

1902 - Madama Butterfly, inizialmente concepita in un prologo e tre atti, acquista gradualmente una forma più snella. Il compositore comunica a Illica la sua volontà di ridurla a due atti.

1903 - In febbraio è vittima di un grave incidente automobilistico, nel quale riporta la frattura di una gamba. La degenza è lunga e complicata. La stesura di Madama Butterfly subisce un rallentamento, e solo per la fine dell’anno è ultimata.

1904 - Il 3 gennaio sposa Elvira, rimasta improvvisamente vedova. Ridotta in due atti, Madama Butterfly va in scena alla Scala il 17 febbraio, con Rosina Storchio e la direzione di Cleofonte Campanini. Il fiasco è clamoroso e l’opera è subito ritirata dalle scene, senza repliche, e sottoposta a tagli e modifiche. Il secondo atto viene dunque definitivamente scisso in due quadri: in questa nuova veste, trionfa al Teatro Grande di Brescia, dove debutta il 28 maggio.

1905 - Madama Butterfly viene rappresentata, il 10 luglio, al Covent Garden di Londra. Puccini compone un piccolo Requiem per coro, armonium e viola in memoria di Verdi. Il Teatro Colón di Buenos Aires ospita una stagione pucciniana, presente il compositore.

1906 - Contatti con D’Annunzio in vista di nuovi progetti, ma senza esito. Il 1° settembre muore Giuseppe Giacosa. Il 28 dicembre Madama Butterfly approda al Théâtre de l’Opéra-Comique di Parigi.

1907 - Ospite del Metropolitan per Manon Lescaut e Madama Butterfly, assiste alla rappresentazione della commedia di Belasco The Girl of the Golden West che sceglie come soggetto per la sua prossima opera. Incarica della stesura del libretto Carlo Zangarini, affiancato poi da Guelfo Civinini.

1909 - La vita privata del compositore conosce giorni drammatici: esasperata dal carattere isterico di Elvira, una giovane domestica si uccide, facendo esplodere una seria crisi coniugale.

1910 - 10 dicembre: riscuote grande successo la prima rappresentazione di La fanciulla del West al Metropolitan, protagonisti Emmy Destinn e Enrico Caruso, direttore Arturo Toscanini.

1912 - Fausto Torrefranca pubblica Giacomo Puccini e l’opera internazionale, un attacco alla volgarità del melodramma.

1913 - Nasce il progetto di comporre tre atti unici da rappresentarsi insieme. Per il primo, Il tabarro, viene incaricato del libretto Giuseppe Adami. In novembre il Karl Theater di Vienna offre a Puccini un compenso esorbitante per un’operetta. L’idea non gli piace, ma pensa comunque a un’opera comica.

1915 - L’atteggiamento neutralista di Puccini, allo scoppio della guerra, è causa di violenti attacchi. Intanto, le trattative con il teatro viennese portano alla stesura della Rondine che diventa una commedia lirica in tre atti su libretto di Adami.

1916 - Dato lo scarso interesse dimostrato da Ricordi, La rondine è ceduta a Sonzogno. In novembre è pronto anche Il tabarro, per il momento unica opera del Trittico.

1917 - Il 27 marzo La rondine va in scena al Teatro del Casino di Montecarlo, con la direzione di Gino Marinuzzi. Sono stati, intanto, definiti i soggetti degli altri due atti unici del Trittico, Suor Angelica e Gianni Schicchi, entrambi su libretto di Giovacchino Forzano. Suor Angelica viene ultimata in settembre.

1918 - In aprile è conclusa la composizione del Trittico che è rappresentato il 14 dicembre al Metropolitan. Se Gianni Schicchi viene esaltato dal pubblico e dalla critica, deludono Il tabarro e Suor Angelica. Analoghe reazioni mostreranno, di lì a poco, i teatri europei.

1919 - L’11 gennaio il Trittico debutta in Italia, al Teatro Costanzi di Roma. Si interessa alla Turandot di Gozzi. Il 16 dicembre muore Luigi Illica.

1921 - Lascia Torre del Lago e si trasferisce nella nuova casa di Viareggio. In agosto il primo atto di Turandot è concluso, ma continui dubbi e crisi di sfiducia lo assalgono.

1922 - Muore la sorella Iginia, che si era fatta monaca col nome di suor Giulia Enrichetta: a lei il compositore si era ispirato per Suor Angelica.

1923 - La composizione di Turandot è ormai in fase avanzata. In dicembre accusa i primi sintomi del male alla gola.

1924 - All’inizio di novembre gli viene diagnosticato il tumore alla gola. Parte immediatamente per sottoporsi a un trattamento al radio in una clinica di Bruxelles, dove viene operato il 24. Sembra riprendersi, ma la mattina del 29 muore. Turandot è ferma al compianto per la morte di Liù. Completata da Franco Alfano, sarà rappresentata per la prima volta il 25 aprile 1926 alla Scala, con la direzione di Toscanini.


(Per gentile concessione del ©Teatro Lirico di Cagliari)