venerdì 8 gennaio 2016

“La battaglia di Legnano”: la trama

La battaglia di Legnano
Tragedia lirica in quattro atti

Musica
Giuseppe Verdi (Le Roncole, 10 ottobre 1813 – Milano, 27 gennaio 1901)

Libretto
Salvatore Cammarano (Napoli, 19 marzo 1801 – Ivi, 17 luglio 1852) dalla tragedia La bataille de Toulouse di Joseph Méry


Prima rappresentazione
Roma, Teatro Argentina, 27 gennaio 1849

Personaggi
Federico Barbarossa (basso)
Primo console di Milano (basso)
Secondo console di Milano (basso)
Podestà di Como (basso)
Rolando, duca milanese (baritono)
Lida, sua moglie (soprano)
Arrigo, guerriero veronese (tenore)
Marcovaldo, prigioniero alemanno (baritono)
Imelda, ancella di Lida (mezzosoprano)
Scudiero di Arrigo (tenore)
Araldo (tenore)

Popolo, senatori di Milano, guerrieri di Verona, Brescia, Novara, Piacenza e Milano, guerrieri dell’esercito alemanno

Gli atti I, III e IV hanno luogo a Milano; l’atto II a Como.
Epoca: anno 1176

Trama

ATTO I – Egli vive

Mentre in una piccola contrada di Milano si festeggia la vittoria della Lega Lombarda, il milanese Rolando abbraccia l’amico Arrigo, creduto morto in battaglia. Lida, in passato fidanzata di Arrigo, ha sposato nel frattempo Rolando, cedendo alla volontà del padre. Un araldo comunica l’arrivo dell’esercito di Federico Barbarossa. Mentre Rolando è in riunione nel senato, Arrigo rimprovera Lida di infedeltà, ma la donna cerca di giustificarsi.

ATTO II – Barbarossa!

Su invito della Lega Arrigo e Rolando arrivano a Como per convincere i capi dell’esercito a spostare il campo. L’imperatore minaccioso dichiara di voler distruggere l’esercito lombardo a Milano, mentre i due eroi lombardi inneggiano alla liberazione dall’imperatore straniero.

ATTO III – L’infamia

Arrigo decide di entrare a far parte dei Cavalieri della Morte, contro il volere di Lida, che gli invia una lettera per dissuaderlo. La missiva viene intercettata da Marcovaldo, un prigioniero tedesco, invaghito di Lidia, e consegnata a Rolando, che si accinge a partire. Lida incontra di nascosto Arrigo e gli confessa il suo amore pur dichiarandosi fedele a Rolando. Scoprendo Lida e Arrigo a colloquio, Rolando rinchiude Arrigo nella torre: impedendogli di raggiungere i Cavalieri della Morte verrà così disonorato. Arrigo fugge dalla finestra gettandosi nel fiume.

ATTO IV – Morire per la patria!

Le donne dei soldati milanesi, fra cui Lida, pregano per i loro uomini in guerra. I soldati tornano dopo aver sconfitto Barbarossa, ferito gravemente da Arrigo. Anche quest’ultimo, ferito a morte, spira poco dopo, confermando a Rolando, con solenne giuramento, l’innocenza di Lida.

Fonti:
giuseppeverdi200.gov.it
Dizionario dell’opera 2002 a cura di Piero Gelli, Baldini&Castoldi, Milano 2001

Adriana Benignetti